La casa e’ edificata in un piccolo lotto all’interno di una zona d’espansione residenziale nel territorio di Urgnano (BG). Le condizioni del luogo di progetto vengono interpretate per dissonanza e l’affaccio diretto verso l’esterno viene negato. Nella moltitudine tipologica e stilistica del contesto il volume, a pianta rettangolare orientata parallelamente a via Basella, riduce a pochi gesti il rapporto muto con l’esterno. La scatola in calcestruzzo antracite, sollevata da terra di un metro e mezzo, consente una sola effrazione: l’ingresso, assecondato anche da una leggera piega della parete vetrata che divide il portico. All’esterno, quel che non e’ cemento e’ vetro, a cui è delegato il diaframma, non solo tra interno ed esterno, ma anche tra i due interni differenti dell’abitazione e del portico. Al rettangolo di base si giustappone il rettangolo in misura della piscina, unico elemento non contenuto nella scatola.

Abitazione privata Urgnano (BG), 2010-2012